Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Manipolazioni virtuali della realtà, gesti, forme, superfici vive con realtà aumentata e virtuale

Un tuffo nel futuro della realtà aumentata a scuola

a virtual tour

Nell’anno scolastico 2015/2016 si è tenuta una sperimentazione di realtà aumentata e realtà virtuale per testare l’impatto di queste tecnologie nella scuola del futuro. La sperimentazione si è tenuta nella classe 3G dell’Istituto Tecnico Tecnologico Eustachio Divini di San Severino Marche. 23 studenti di informatica sono stati invitati dal professor Mariano Maponi e dell’esperta di potenziamento Giuliana Guazzaroni a testare le realtà aumentate nella didattica. I professori Maponi e Guazzaroni sono stati aiutati dalla professoressa Lidia Papavero. Il primo passo è stato trasmettere attraverso lezioni frontali i principi di base per progettare attraverso la realtà aumentata e virtuale. In seguito studenti e studentesse sono stati suddivisi in gruppi, in base alle indicazioni della Belbin (2003) sono stati attribuiti dei ruoli adatti al carattere e alle attitudini di ciascun partecipante. I gruppi hanno scelto di lavorare sui seguenti temi e con le seguenti strumentazioni tecnologiche:

  1. Tour virtuale della palazzina di informatica: il gruppo, formato da sei membri, ha lavorato con Google Cardboard e con Google Street View.
  2. Inferno, Canto III – Divina Commedia: il gruppo composto da sei membri ha deciso di lavorare con l’applicazione di realtà aumentata Aurasma. Il gruppo ha scelto il personaggio di Caronte il traghettatore e lo ha animato.
  3. Martin Lutero: il gruppo, composto da cinque membri, ha scelto di animare Martin Lutero attraverso Aurasma.
  4. Logo 3D dell’istituto: il gruppo, composto da sei membri, ha selezionato l’applicazione di realtà aumentata: Augment. Il lavoro si è composto di una prima parte di creazione/modellazione del logo della scuola in 3D. Il logo è ora visibile in realtà aumentata ed è stato successivamente stampato in materiale plastico e colorato.

Dopo aver completato le diverse attività, i gruppi hanno presentato ai loro pari i materiali e li hanno testati. I risultati sono stati piuttosto positivi. La maggior parte degli studenti ha apprezzato il nuovo mezzo comunicativo e i migliori risultati sono stati i seguenti:

  • Allievi/e hanno costruito i propri materiali di studio con la realtà aumentata/virtuale.
  • Allievi/e hanno lavorato positivamente nei gruppi con ruoli specifici.
  • Allievi/e hanno potuto scegliere il ruolo, secondo la scheda della Belbin (2003) sviluppando autonomia e comportamenti assertivi.
  • Creare oggetti in ambienti immersivi è divertente.
  • L’attività sviluppa una “mente creativa”.
  • Si sviluppano nuovi saper fare.
  • Gli oggetti creati sono stati usati per l’orientamento ai ragazzi/e con bisogni speciali.

L’esperienza, completamente valutata dai docenti, è al centro del seguente saggio pubblico negli USA per IGI Global:

Guazzaroni, G. (2017, June). The Impact of Augmented Reality and Virtual Reality Study Material in the Future of Learning: A Teamwork Experience. In G. Kurubacak & H. Altinpulluk (Eds.) Mobile Technologies and Augmented Reality in Open Education, IGI Global, USA.

Foto di Leonardo Emiliozzi

 

Annunci

3 commenti su “Un tuffo nel futuro della realtà aumentata a scuola

  1. mariano
    1 giugno 2016

    L’ha ribloggato su elcito's blog.

    Mi piace

  2. Pingback: Emotional Mapping of Museum Augmented Places

  3. Pingback: Un tuffo nel futuro della realtà aumentata a scuola | ITIS Eustachio Divini – San Severino Marche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: