Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Manipolazioni virtuali della realtà, gesti, forme, superfici vive con realtà aumentata e virtuale

Realtà aumentata: 3 regole facili

AR Ori Inbar durante la scorsa edizione di ISTAS Toronto ha esposto e argomentato tre regole per il design della realtà aumentata. Regole basilari per la progettazione e il design della augmented reality (AR).
Basandosi sull’analisi di alcune esperienze e buone pratiche ha così esposto le tre leggi di Lex Ardez. Semplici ma sempre utili i tre capisaldi sono i seguenti:

  1. Gli elementi in AR devono emergere dal mondo reale e/o essere in relazione con questo.
  2. Gli elementi in AR non devono distogliere dalla realtà, ma piuttosto offrire una maggiore consapevolezza della realtà stessa.
  3. L’interazione con la AR deve proporre un’esperienza interattiva preferibile ad altre che si possono ottenere con modalità differenti. Ne consegue che la AR si dovrebbe usare in mancanza di altre alternative.

Regole logiche e relativamente semplici da applicare, per esempio la terza. Infatti, secondo Ori Inbar non si dovrebbe implementare la realtà aumentata fine a se stessa o ancor peggio per un fattore di tendenza. Il consiglio resta quello di creare unicamente esperienze di AR che non possano essere ottenute in modo diverso.
Esaminare la casistica può essere interessante per far emergere le motivazioni sottese ai progetti di AR. Fine a se stessa per suscitare l’effetto “Wow!” O realmente d’impatto per il fruitore?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: