Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Manipolazioni virtuali della realtà, gesti, forme, superfici vive con realtà aumentata e virtuale

Cervello, arte e scienza quantistica

La Grande Unificazione di Salvatore Ciliodi Paolo Manzelli

Premessa

Le teorie che perseguono una linearità interpretativa del rapporto tra sensazione e percezione cerebrale spesso conducono a confondere la percezione della realtà con la realtà stessa. Ciò depriva la mente della naturale creatività perche induce a considerare la interpretazione cognitiva del mondo percepito, come se fosse esattamente il mondo reale anziché quello che e stato cerebralmente percepito. Diversamente gli scenari visivi e sensoriali che percepiamo sulla base della Teoria del “Quantum Brain”, sviluppata da Egocreanet, non corrispondono alla realtà oggettiva ma alla probabilità di possibili interazioni future nell’ambiente che rappresentiamo come immagini e sensazioni costruite dal nostro cervello. L’ approccio innovativo alla sensorialita-percettiva , basata sulla attività di tipo quantistico del cervello, insegna a non reagire ai costrutti della mente come se fossero realtà. Il convincimento del fatto che ciò che vediamo e sentiamo sia reale ed oggettivo, conduce psichicamente allo “stress cognitivo comportamentale ”, causato dal reagire con modalità di stimolo–risposta ad una quantità di compiti cognitivi, emotivi o sociali, che l’individuo percepisce come problematici, anziché’ a quello di immaginare soluzioni alternative che possano modificare la probabilità di ciò che percepiamo mentalmente. Proprio al fine di imparare a non reagire meccanicamente agli stimoli visivi e percettivi come se essi fossero la realtà ed altresì attivare la naturale creatività nel dare nuovi significati agli stimoli percettivi, il programma “quARte “ di “Arte e Scienza Quantistica per lo sviluppo della comunicazione nella Realtà Aumentata” , si propone di offrire validi strumenti, concettualmente innovativi, capaci di favorire soluzioni di realtà aumentata sia per arte che per la scienza, generando un nuovo immaginario utile per superare le sfide della vita sociale ed economica contemporanea . Il progetto “quARte” pertanto persegue l’obiettivo di condurre artisti e scienziati ad imparare a combattere lo “stress di deficienza cognitiva” partecipando consapevolmente un programma di innovazione indirizzato a spostare i limiti concertali derivanti dalle concezioni riduttive-meccaniche della realtà, ormai storicamente obsolete , le quali conducono a deformare le situazioni percepite in problemi irresolubili escludendo sistematicamente la creatività naturale del pensiero umano .

La percezione cerebrale.

Le tradizionali teorie meccaniciste della Percezione, hanno distinto il modo nel quale riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate:

  1. la sensazione: riguarda il modo in cui i nostri organi di senso rispondono agli stimoli esterni e come queste risposte vengono trasmesse dai ricettori al cervello
  2. la percezione: si riferisce alla successiva elaborazione dei segnali sensoriali che avviene nel cervello e che porta a costruire una rappresentazione interna per quegli stimoli.

Tale dicotomia corrisponde ad un agire del cervello in due tempi ed e’ conseguenza della arbitraria suddivisione tra soggetto ed oggetto della osservazione, dove la sensazione e la percezione rappresentano il dualismo cognitivo fra il mondo fisico esterno e d il mondo psichico interno. Il tal modo il sistema di ricezione ed elaborazione cerebrale della informazione e’ stato gestito concettualmente da una sistematica sequenza di relazioni tra causa ed effetto derivante dalla concettualista’ e dai criteri paradigmatici della meccanica classica.
Tale infatti e’ stata la tradizionale interpretazione meccanica della percezione cerebrale di neurologi e psicologi la quale fa ritenere che ciò che vediamo e percepiamo corrisponda alla realtà oggettiva, come conseguenza di una interpretazione sequenziale tra sensazione e percezione che di fatto attribuisce un atteggiamento passivo del funzionamento del cervello. In tal modo il cervello anziché essere un attivo costruttore di immagini e sensazioni , viene considerato come un sistema che meccanicamente viene a dipendere linearmente dalla assunzione di dati di informazione provenienti dall’ambiente .
Questa assurda assunzione genera lo stress cognitivo che riduce le abilita cognitive e la creatività naturale del cervello.
Il progetto “quARte” di arte e scienza quantistica , si propone di riconsiderare tale atteggiamento tradizionale della scienza nel contesto della interpretazione di come percepiamo. Infatti ricercando di interpretare la attività del cervello nella “comunicazione empatica” , cosi importante per la comprensione dell’ arte e del suo valore di sviluppo sociale, abbiamo ritenuto decisivo il mettere in rilievo la teoria del funzionamento quantistico del cervello (Quantum Brain) che riteniamo indispensabile per dare sviluppo ad una ricerca di innovazione dell’ Arte e della Scienza contemporanea tendente a superare ogni forma di realismo ingenuo di indole meccanica . Per sviluppare la creatività contemporanea nell’ arte e nella scienza in epoca quantistica e’ pertanto necessario superare ogni credenza che il mondo si presenti a noi così come esso realmente è concettualista che diviene possibile solo in quanto si ammette aprioristicamente che vi sia una coincidenza diretta fra la realtà fisica e la realtà percettiva o fenomenica.
La teorizzazione e le ricerca innovativa sul “Quantum Brain”, promossa da Egocreanet , fa altresì comprendere come il cervello produca attivamente scenari percettivi; il mondo esterno che percepiamo e’ di fatto quello costruito geneticamente e biologicamente dal nostro cervello e pertanto corrisponde a modelli-archetipi di probabilità i quali ci permettono di anticipare lei informazioni su come muoverci nel nostro ambiente; tali previsioni percettive sono pertanto indeterminate, ma attendibili, proprio in quanto vengono raffinate dalla memoria e quindi ci permettono di presagire con notevole precisione lo svolgimento dinamico degli eventi probabili con cui potremo materialmente interagire.
Rispetto alla tradizione dualistica che mette in sequenza “causale- deterministica” la sensazione e la percezione ,diversamente con lo sviluppo delle modalità concettualmente innovative del “Quantum Brain”, che sono alla base cognitiva del programma “quARte “, abbiamo iniziato lo sviluppo di tale progetto con l’ ammettere e porre in evidenza, come ciò che la mente percepisce e quindi conosce, e’ il frutto di uno sviluppo evolutivo della auto-organizzazione cerebrale della attività biochimica della genetica umana. Tale impostazione concettuale ci ha permesso di ribadire che cervello non e’ assimilabile ne ad una macchina fotografica e neppure ad un computer; modelli questi ultimi che rispondono con una modalità di elaborare la informazione diretta dall’impatto con le energie provenienti dal mondo esterno e non come risultato evolutivo di un sistema auto-organizzantesi dello sviluppo naturale della bio-genetica umana. Pertanto sulla base del modello di “Quantum Brain “ il cervello ed il suo funzionamento percettivo e cognitivo va riconsiderato come il risultato di un sistema biogenetico auto-organizzato , le cui funzioni di costruzione di scenari visivi e sensoriali sono biologicamente generate sulla base di archetipi prodotti dalla attività di processi di interazione quantistica nel cervello.
Plutarco disse : “La mente non ha bisogno, come un vaso, di essere riempita, ma piuttosto, come legna, di una scintilla che l’accenda e vi infonda l’impulso della ricerca e un amore ardente per la verità”
Concludiamo pertanto che il cervello va compreso nella sua qualità di costruttore autonomo della realtà che utilizza la informazione bio-elettrica per elaborare modelli di epigenetici di probabilità di informazione, modulati da una indagine di raffinamento con i dati della memoria per adeguare la espressione degli scenari visivi e delle risposte cerebrali alla evoluzione dinamica della informazione ricevuta.
In conclusione evitando sistematicamente le concezioni meccaniche che imprigionano la creatività contemporanea entro modelli cognitivi storicamente obsoleti ,i quali inducono un atteggiamento comportamentale di stimolo risposta alle percezioni visive e sensoriali quali fossero la realtà oggettiva, oggi, con lo sviluppo del progetto-Programma “quARte”, riteniamo che diverrà possibile dare una rilettura innovativa dell’arte e della scienza e del loro ruolo innovativo nello sviluppo sociale ed economico contemporaneo, ottenibile innestando un processo creativo che sulla base di un nuovo impulso sia capace di rispondere con maggior coscienza alle immagini e delle sensazioni percepite (Nell’immagine: La Grande Unificazione di Salvatore Cilio).

Advertisements

Un commento su “Cervello, arte e scienza quantistica

  1. egocreanet
    7 marzo 2015

    QUANDO CAMBIA IL MODO DI CAPIRE L’OSSERVABILE LE COSE CHE OSSERVI ACQUISTANO NUOVI E PIU AMPI SIGNIFICATI PER DARE SVILUPPO ALLA CREATIVITA’.

    Il Cervello Quantico, attraverso i neuroni mirrors. crea empatia che invade il sistema psichico, (nervoso, endocrino e immunologico), tenendoli uniti in un entanglement di simpatia elettiva con gli amici e le amiche del cuore .L’ entanglement unisce in un forte legame elettivo che permette agli amici di comprendersi attraverso codici invisibili che rendono comune la percezione della bellezza di una realta probabile ancora da creare . Pertanto penso sia bello condividere con te questi Auguri dell 08 Marzo 2015 – Paolo Manzelli egocreanet2012@gmail.com

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 agosto 2013 da in Cultura digitale con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: