Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Manipolazioni virtuali della realtà, gesti, forme, superfici vive con realtà aumentata e virtuale

Workshop itinerante sulla realtà aumentata all’Aquila

GiulianaDurante il Seminario Ambasciatori eTwinning 2012 tenutosi a L’Aquila (20-22 settembre 2012) Ambasciatori e Referenti hanno avuto la possibilità di seguire un percorso nelle strade del centro storico (interessato dal disastroso sisma del 2009 di cui tuttora porta i gravi segni) in cui la percezione dell’ambiente circostante è stata “aumentata” grazie alle nuove tecnologie. Riportiamo di seguito l’articolo della ricercatrice Giuliana Guazzaroni, che ha condotto il workshop, per condividere con tutti gli eTwinners una interessante applicazione delle TIC, ricca di spunti da applicare alla didattica.

A come Augmented, R come Reality

Poesia di Strada in Realtà Aumentata (RA) è un’esperienza multisensoriale di fruizione di opere artistiche e poetiche attraverso un esperimento di realtà aumentata a L’Aquila e Macerata. Circa 90 fra le opere più significative di Poesia di strada, il premio di poesia di Licenze Poetiche, gli artefatti sono allestiti per le vie del centro (ma anche periferie) di L’Aquila, lungo tutto il perimetro delle mura cittadine maceratesi e a Borgo Villa Ficana (agglomerato di case in terra cruda alla periferia di Macerata, qui un tempo abitavano i braccianti, oggi le case sono poste sotto vincolo architettonico), in mostra permanente. Sono attualmente in allestimento altre edizioni in luoghi altrettanto significativi.

etwinnersLa “realtà aumentata” infatti, è un arricchimento della percezione umana, attraverso informazioni o mezzi elettronici che superano la percezione dei cinque sensi. Questo tipo di esperienza ci permette di visualizzare, quello che a occhio nudo non è immediatamente visibile, supportati da un dispositivo mobile e un’applicazione gratuita per la realtà aumentata. “Aumentare” un luogo espositivo con elementi aggiuntivi invita a spostare la visione abituale da una semplice narrazione artistica verso la narrazione complessa di un oggetto o superficie su cui sono proiettati gesti, voci, suoni. Creando un’esperienza multisensoriale di opere virtuali in “realtà aumentata”, ci si fa trasportare verso nuove realtà.

La scelta dell’Aquila come sede della mostra non è assolutamente casuale. Essa vuole rappresentare una vera e propria “scossa per la società”; muovendosi così in zone ancora spezzate dal sisma, si suggeriscono nuovi scenari fortemente comunicativi. Per l’edizione aquilana sono state coinvolte le seguenti realtà: ADAM Accademia Delle Arti Macerata (quale ente promotore) con il patrocinio del Comune dell’Aquila con la collaborazione di “Licenze Poetiche”, “L’Aquila eMotion” e “Noi, L’Aquila” le quali hanno promosso a partire dal 30 giugno 2012 la mostra d’arte contemporanea.

amarcordIl progetto della realtà aumentata per accrescere i linguaggi delle arti e per la formazione fa parte di un percorso di ricerca e s’inserisce in un vero e proprio “format” di apprendimento in ambienti di “Informal Learning”. Il nome del format che è anche il titolo della ricerca di Giuliana Guazzaroni è: “Emotional Mapping of Museum Augmented Places” (EMMAP). La mostra è tuttora l’oggetto di una ricerca scientifica condotta da Giuliana Guazzaroni per il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università Politecnica delle Marche, Curriculum in e-Learning, Via Brecce Bianche, Ancona.

[L’articolo completo in eTwinning]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: